Finanziamenti Imprese Turistiche

FINANZIAMENTI IMPRESE TURISTICHE

Sembrano risolti i problemi per i finanziamenti alle imprese turistiche. A seguito dei chiarimenti e delle assicurazioni ricevute dall`Assessore alle Attività Produttive D.ssa Linda Vancheri, i problemi di liquidità rappresentati dalle imprese interessate sono stati risolti così come le richieste di proroga al 31 dicembre 2015 se motivate, saranno accolte.

Aumento Canoni Demanio Marittimo

AUMENTO CANONI DEMANIO MARITTIMO

La gatta, il lardo e lo zampino, ovvero l`aumento dei canoni demaniali marittimi. E` di ieri la notizia diffusa per la verità da un solo quotidiano che l`Assessore al Territorio e Ambiente e il suo collega Baccei avrebbero messo a punto un piano per fare cassa attraverso l`aumento dei canoni di concessione demaniale. Ormai non ci meravigliamo di nulla. Il carico fiscale grava sempre sui soliti noti. Come Confcommercio già a settembre avevamo chiesto di riaprire un tavolo sul demanio marittimo, ma gli Assessori che si sono succeduti non hanno ritenuto di dovere incontrare le categorie produttive per ragionare sulle questioni del demanio marittimo, necessarie anche per lo sviluppo del turismo. La disattenzione o la distrazione con cui ripetutamente vengono affrontate le istanze degli imprenditori e delle imprese non lasciano dubbi sul modo di procedere del Governo Regionale.

SIB Regionale

SIB REGIONALE

Si è svolta ieri a Catania l`Assemblea Regionale del Sindacato Stabilimenti Balneari aperta anche ai gestori dei porti ed approdi turistici ed alle imprese del turismo operanti sul demanio aderenti a Confcommercio-Confturismo Sicilia.

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING

Confturismo/Confcommercio e il Centro di Studi e Ricerche CISET-Università Cà Foscari di Venezia hanno realizzato un'analisi della filiera turistica che evidenzia suggerimenti su cosa l'Italia deve fare per recuperare non i «turisti« bensì «il turismo« e la sua enorme potenzialità di generare ricchezza.

Ambiente e Cultura

AMBIENTE E CULTURA

Ancora una volta i quotidiani siciliani si occupano della gestione di beni culturali. In parallelo c`è la gestione dei beni naturalistici ed ambientali. E`necessario ricordarsi che tutela e valorizzazione sono necessari intanto alla salvaguardia della nostra identità culturale ma anche allo sviluppo del turismo. La Confcommercio Sicilia reitererà ai nuovi Assessori Regionali le note con cui ha chiesto l`apertura di tavoli tematici per ricercare soluzioni che restituiscano alla regione il ruolo del controllo e agli imprenditori privati la gestione.

Tromba d`aria a Catania

TROMBA D`ARIA A CATANIA

A seguito della grande tromba d`aria che ha colpito le imprese della Sicilia Orientale, Confcommercio Sicilia ha chiesto un urgente incontro al Presidente della Regione Siciliana Crocetta e agli Organi interessati.

Istanze Condono Edilizio

ISTANZE CONDONO EDILIZIO

L`Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, visto che si è ingenerata la convinzione, diffusa sugli organi di stampa, che la Regione Sicilia abbia riaperto, ex post, i termini per la riproposizione di nuove istanze di sanatoria, ovvero innovato fattispecie giuridiche sulla materia in argomento, ha emanato un Comunicato per i Comuni della Regione Siciliana

CONFTURISMO SICILIA

COMUNICATO STAMPA Nel dare notizia della costituzione di Confturismo Sicilia e dell`incarico di Presidente al Dott. Giuseppe Cassarà, le Associazioni di Categoria del Turismo aderenti a Confcommercio sottolineano al Presidente Crocetta che le questioni relative al turismo, al credito, alle imprese, alla gestione produttiva dei beni culturali ed ambientali, al demanio, ai trasporti, alle verifiche ed ai controlli sulle imprese, non sono più rinviabili né eludibili.

COMUNICATO STAMPA “LA POLITICA SIA RESPONSABILE VERSO LE IMPRESE. CONFCOMMERCIO SICILIA DISPONIBILE A COLLABORARE«

COMUNICATO STAMPA La Giunta di Confcommercio Sicilia esprime preoccupazione per le manovre disordinate attraverso le quali il Governo della Regione sta “rastrellando” risorse economiche sottraendole alle categorie produttive per continuare ad alimentare un precariato al quale non si vuole dare soluzione.

Agen: «In Sicilia basta improvvisatori, si punti su turismo e infrastrutture»

AGEN: «IN SICILIA BASTA IMPROVVISATORI, SI PUNTI SU TURISMO E INFRASTRUTTURE»

«Basta con gli improvvisatori. Se non c'è un progetto di sviluppo, la Sicilia rimarrà ferma. Bisogna puntare sulle grandi infrastrutture e sul turismo, le cui scelte devono essere affidate a tecnici specializzati. Il commercio è il malato terminale che si vede scaricare addosso le crisi degli altri. Per spendere bisogna guadagnare, altrimenti non si uscirà dalla recessione». Ecco cosa serve per rimettere in moto l'economia e rilanciare i consumi secondo Pietro Agen, presidente regionale di Confcommercio.

SICILIA - NUOVO BANDO PER LE IMPRESE GIOVANILI

SICILIA - NUOVO BANDO PER LE IMPRESE GIOVANILI

E` stato pubblicato un nuovo bando rivolto a nuove imprese (ancora da costituire) e/o a imprese già costituite da giovani (di età inferiore ai 36 anni) per la realizzazione di progetti volti alla produzione ed allo scambio di beni e/o servizi di utilità sociale. Sono considerati beni e servizi di utilità sociale, quei beni e servizi prodotti o scambiati nel settore dell`assistenza sociale, dell`assistenza sanitaria, dell`assistenza socio-sanitaria, dell`educazione, istruzione e formazione; della tutela dell`ambiente; della valorizzazione del patrimonio culturale; del turismo sociale; della formazione universitaria e post-universitaria; della ricerca ed erogazione di servizi culturali; della formazione extra-scolastica, servizi strumentali alle imprese sociali, inserimento lavorativo di lavoratori svantaggiati e lavoratori disabili. Particolare rilevanza sarà data ai progetti che prevedono l`utilizzo delle nuove tecnologie per favorire l`accesso ai propri beni e servizi in modo più efficace ed efficiente.

COMUNICATO STAMPA

COMUNICATO STAMPA

Il presidente di Confcommercio Sicilia, Piero Agen è intervenuto sulla decisione di Alitalia di tagliare a partire dal primo ottobre i voli diretti da Torino verso molte città del Mezzogiorno. L`abbandono del Sud Italia da parte della «compagnia di bandiera Alitalia non potrà che determinare ulteriore difficoltà allo sviluppo del turismo. Il Meridione d`Italia subisce l`ennesima operazione di distacco dal resto del Paese, perdurando, per altro, il degrado assoluto tanto del sistema ferroviario quanto di quello autostradale. Particolarmente grave, infine, per il nostro turismo il fatto che la scelta scellerata, venga assunta a pochi mesi dall`avvio dell`EXPO 2015, che dovrebbe, nell`intenzione di tutti, costituire un momento di grande rilancio per l`Italia e quindi anche per quel Sud. La Sicilia, così operando, rischia sempre più la desertificazione economica e vede allontanarsi l`unica fondata speranza di ripresa che non può che affidare sul turismo. Su questo tema è necessaria la mobilitazione della politica ed è, altresì, necessaria una forte presa di posizione del Governo regionale e dello stesso Presidente Renzi.

top