Italia Lavoro La FemMe: Finanziare il welfare aziendale riducendo gli sprechi

ITALIA LAVORO LA FEMME: FINANZIARE IL WELFARE AZIENDALE RIDUCENDO GLI SPRECHI

Video formativo a cura del progetto LaFemMe, in collaborazione con il Progetto Increase. Lo sviluppo di un piano di welfare aziendale implica interessanti possibilità di “defiscalizzazione”. Il video è scaricabile dal seguente link : https://www.youtube.com/watch?v=1oJpbhAl4VA&list=PL-KNIF0WkLGtj552sbfM4xMUhiIFh7lgx&index=4

COMUNICATO STAMPA “LA POLITICA SIA RESPONSABILE VERSO LE IMPRESE. CONFCOMMERCIO SICILIA DISPONIBILE A COLLABORARE«

COMUNICATO STAMPA La Giunta di Confcommercio Sicilia esprime preoccupazione per le manovre disordinate attraverso le quali il Governo della Regione sta “rastrellando” risorse economiche sottraendole alle categorie produttive per continuare ad alimentare un precariato al quale non si vuole dare soluzione.

Agen: «In Sicilia basta improvvisatori, si punti su turismo e infrastrutture»

AGEN: «IN SICILIA BASTA IMPROVVISATORI, SI PUNTI SU TURISMO E INFRASTRUTTURE»

«Basta con gli improvvisatori. Se non c'è un progetto di sviluppo, la Sicilia rimarrà ferma. Bisogna puntare sulle grandi infrastrutture e sul turismo, le cui scelte devono essere affidate a tecnici specializzati. Il commercio è il malato terminale che si vede scaricare addosso le crisi degli altri. Per spendere bisogna guadagnare, altrimenti non si uscirà dalla recessione». Ecco cosa serve per rimettere in moto l'economia e rilanciare i consumi secondo Pietro Agen, presidente regionale di Confcommercio.

COMUNICATO STAMPA

COMUNICATO STAMPA

Il presidente di Confcommercio Sicilia, Piero Agen è intervenuto sulla decisione di Alitalia di tagliare a partire dal primo ottobre i voli diretti da Torino verso molte città del Mezzogiorno. L`abbandono del Sud Italia da parte della «compagnia di bandiera Alitalia non potrà che determinare ulteriore difficoltà allo sviluppo del turismo. Il Meridione d`Italia subisce l`ennesima operazione di distacco dal resto del Paese, perdurando, per altro, il degrado assoluto tanto del sistema ferroviario quanto di quello autostradale. Particolarmente grave, infine, per il nostro turismo il fatto che la scelta scellerata, venga assunta a pochi mesi dall`avvio dell`EXPO 2015, che dovrebbe, nell`intenzione di tutti, costituire un momento di grande rilancio per l`Italia e quindi anche per quel Sud. La Sicilia, così operando, rischia sempre più la desertificazione economica e vede allontanarsi l`unica fondata speranza di ripresa che non può che affidare sul turismo. Su questo tema è necessaria la mobilitazione della politica ed è, altresì, necessaria una forte presa di posizione del Governo regionale e dello stesso Presidente Renzi.

Comunicato stampa del Presidente Confcommercio Sicilia Pietro Agen dopo l`incontro con l`Assessore Regionale all`Economia Luca Bianchi

COMUNICATO STAMPA DEL PRESIDENTE CONFCOMMERCIO SICILIA PIETRO AGEN DOPO L`INCONTRO CON L`ASSESSORE REGIONALE ALL`ECONOMIA LUCA BIANCHI

Come Confcommercio Sicilia non possiamo non manifestare profonda delusione per l`incontro svoltosi ieri a Palermo tra le organizzazioni sindacali e l`Assessore all`Economia Bianchi in rappresentanza del Governo Regionale. L`intera manovra economica predisposta dalla Regione Sicilia non prevede alcun intervento per il rilancio dell`economia dell`isola, quasi si pensasse che ci possa essere sviluppo senza investimenti. Lasciamo aperta un`ultima opportunità al Governo Regionale in attesa di conoscere l`esatto contenuto di una legge collegata per l`imprenditoria che ci auguriamo possa contenere finalmente interventi reali e non dichiarazioni di principio. Nell`attesa la Confcommercio Sicilia procederà nei prossimi giorni alla convocazione della Giunta per individuare le azioni da porre in essere qualora anche questo impegno dovesse essere disatteso. Pietro Agen, Presidente Confcommercio Sicilia

CONFERENZA STAMPA

CONFERENZA STAMPA

La finanziaria Regionale non piace a Confcommercio. Dura presa di posizione del Presidente di Confcommercio Sicilia, Pietro Agen. Venerdì 20 dicembre alle ore 10.00 presso la sede di Confcommercio Catania via Mandrà 8 a Catania il Presidente della Federazione Regionale del Commercio, dei Servizi, del Turismo, delle Professioni e delle P.M.I di Sicilia spiegherà in conferenza stampa i motivi del suo disappunto.

COMUNICATO STAMPA

COMUNICATO STAMPA

“In merito al declassamento dell`aeroporto Fontanarossa di Catania credo che, piuttosto che parlare di cecità di Bruxelles, faremmo bene a parlare di responsabilità a tutti i livelli della Sicilia. Mi spiace dover sostenere che in più occasioni solo l`autorevole voce del prof. Russo, gli interventi del Tavolo per le Imprese e della Confcommercio, che fu la prima a denunciare lo strano silenzio dell`allora Ministro Passera e della Regione Siciliana, si sono levati per allarmare l`opinione pubblica, la classe politica, nonché le forze sindacali e imprenditoriali. Certamente è mancata la capacità di presentare progetti di sviluppo e interconnessione che, seppur in fieri, esistono. La speranza oggi è riposta nel Ministro Lupi, e nonostante venga da dire che la speranza è l`ultima morire, credo sia arrivato il momento di promuovere un movimento unitario per difendere il primo aeroporto del Sud. Tutti dovranno fare la loro parte, compresa l`opposizione, che mi pare sul tema da troppo tempo silenziosa”. Pietro Agen, presidente Confcommercio Sicilia

Agen: «Ogni due abusivi si perde un posto regolare»

AGEN: «OGNI DUE ABUSIVI SI PERDE UN POSTO REGOLARE»

Al via la mobilitazione nazionale ‘Legalità mi piace` promossa da Confcommercio. Il presidente nazionale Sangalli non ha peli sulla lingua: «Le imprese sono allo stremo«. Agen ha reso noti i dati su Catania: “Mille operatori abusivi fatturano milioni di euro l`anno”. Poi la denuncia: “A monte ci sono le organizzazioni criminali”.

Siglato il protocollo d`intesa per la razionalizzazione dei servizi all`utenza tra Confcommercio Sicilia e l`Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Sicilia.

SIGLATO IL PROTOCOLLO D`INTESA PER LA RAZIONALIZZAZIONE DEI SERVIZI ALL`UTENZA TRA CONFCOMMERCIO SICILIA E L`AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DELLA SICILIA.

Il Protocollo d'intesa firmato da Confcommercio Sicilia e dall'Agenzia delle entrate Sicilia ha l'obiettivo di ridurre l'accesso fisico presso gli uffici fiscali tramite l'utilizzo dei canali telematici civis e Pec.

Agen su tagli a fondo Commercio

AGEN SU TAGLI A FONDO COMMERCIO

“Il Decreto dell'Assessorato Attività Produttive, in Gazzetta Regionale del 16 agosto 2013, con cui il fondo destinato al commercio viene pesantemente decurtato, destinando un terzo delle disponibilita' residue ai territori di Lampedusa, Linosa e alle aree del Messinese colpite nel passato da alluvione, di fatto è come mettere a segno uno scippo a danno delle imprese commerciali”.

CONFCOMMERCIO.......CI METTE LA FACCIA. Impegnati in Confcommercio contro ogni forma di

CONFCOMMERCIO.......CI METTE LA FACCIA. IMPEGNATI IN CONFCOMMERCIO CONTRO OGNI FORMA DI

Qualche mese fa, l'allora procuratore Piero Grasso ebbe a dire che le grandi organizzazioni di categoria dovevano uscire dal generico, esponendosi con nomi e cognomi nella lotta alla criminalità, la Confcommercio Sicilia, raccogliendo la sfida per una giusta battaglià, pubblica un primo elenco di centinaia di dirigenti ai vari livelli territoriali che hanno firmato il codice etico, impegnandosi a divenire parte attiva nella lotta al racket, all'usura ed altre forme di illegalità. L'augurio è che altri seguano l'esempio di Confcommercio Sicilia, convinti come siamo che serva unità per vincere questa battaglia di civilta' e di libertà!

DA CONFCOMMERCIO SICILIA UN SECCO NO AL BILANCIO REGIONALE

DA CONFCOMMERCIO SICILIA UN SECCO NO AL BILANCIO REGIONALE

Confcommercio Sicilia esprime profondo disagio per i contenuti del bilancio regionale presentato in questi giorni. Se da una parte ci rendiamo conto delle difficolta' che l'assessore Bianchi ha dovuto affrontare e se gli diamo ancora una volta atto della correttezza e trasparenza che hanno caratterizzato il suo operato, di contro non possiamo dimenticare ne' i contenuti del citato bilancio ne', tantomeno, la mancanza di confronto con le parti sociali da parte del Governo regionale, in una fase tanto drammatica come quello che stiamo vivendo! La Confcommercio non puo' accettare che si parli di sviluppo, senza parlare di imprese, non puo' accettare che alle insostenibili, ormai, spese per il personale si aggiunga come unica iniziativa di spesa, quella per salvaguardare, senza un piano di rientro: i posti dei forestali, dei formatori, dei vari precari, oltre al salvataggio ancorche' ridotto della famigerata tabella H.

«PIZZO» A CATANIA: SOTTO ACCUSA TRE BOSS MAFIOSI

«PIZZO» A CATANIA: SOTTO ACCUSA TRE BOSS MAFIOSI

Ordinanza di custodia cautelare in carcere per tre boss del clan mafioso dei Cursoti accusati di estorsione ai danni degli ottici Angiolucci, che gestiscono una catena di negozi in città. «Dovrebbe essere chiaro a tutti, già da tempo, che lo Stato c'è, che l'azione delle forze di polizia è decisamente efficace, direi infallibile, che la magistratura segue le vicende di mafia, compresi gli episodi di estorsione ed usura, con meticolosità e professionalità, senza che nulla sia lasciato al caso.

top